Bari: al via importanti lavori finalizzati all’eliminazione di barriere architettoniche



Stanno per essere avviati, nella città di Bari, degli importanti lavori pubblici finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche.

 

L’importanza dell’eliminazione delle barriere architettoniche

Come noto l’eliminazione delle barriere architettoniche è un qualcosa di molto importante per tutte le persone diversamente abili: chi non ha problemi motori e chi non convive con degli handicap tende spesso a trascurare questi aspetti, i quali sono in realtà cruciali per la collettività.

Consentire a una persona diversamente abile di potersi muovere senza ostacoli è fondamentale sul piano pratico, ciò è evidente, ma allo stesso tempo garantirle di spostarsi senza assistenza non può che migliorare la sua qualità della vita anche a livello psicologico.

Un itinerario cittadino del tutto privo di ostacoli architettonici

L’opera in questione prevede la realizzazione di un itinerario completamente privo di barriere architettoniche che si snodi dalla stazione centrale fino all’ingresso di Bari Vecchia, per una lunghezza complessiva di 1,3 Km.

Per la realizzazione di quest’importante intervento di ottimizzazione della fruizione degli spazi urbani verrà stanziata una somma importante pari esattamente a 900.000 €, di cui 200.000 € già erogati nel 2018, 300.000 € nel 2019 e 400.000 € nel 2020.

Come si stava accennando i lavori sono prossimi alla partenza e si prevede che vengano avviati a fine gennaio 2019; intanto sono stati già eseguiti alcuni sopralluoghi utili a definire nel dettaglio le modalità di intervento dal punto di vista tecnico.

 

Alcune indiscrezioni tecniche sulle caratteristiche del progetto

Per chi non è un professionista operante nel settore dell’edilizia è ovviamente molto difficile entrare nello specifico per quel che riguarda le peculiarità dei cantieri che si andranno a realizzare, ad ogni modo non sembra affatto che la realizzazione di tali lavori comporterà dei disagi rilevanti a livello di viabilità.



Sicuramente verrà impiegato un buon numero di operai e si renderà necessario l’utilizzo di strumentazioni specifiche: aziende specializzate quali Giffi Noleggi, ad esempio, possono fornire dei servizi di noleggio escavatori Bari destinati a rivelarsi utili per esigenze come queste.

L’assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso, ha tuttavia parlato di alcuni dettagli del progetto che si intende realizzare nel cuore della città di Bari: pare infatti che verrà smontata la pavimentazione in pavè di Piazza Aldo Moro per poter installare alcune pedane, dopodiché i cubetti di porfido che compongono il pavimento verranno applicati nuovamente al suolo.

La zona antistante la stazione, ovvero quella in cui vi sono Piazza Moro e altre importanti vie cittadine, sembra essere quella maggiormente critica a livello di barriere architettoniche, ma gli interventi in programma sapranno migliorare in modo decisivo quest’area per quel che riguarda la fruibilità da parte delle persone diversamente abili.

Altre rampe verranno installate lungo il percorso che conduce verso Bari Vecchia e andranno così ad affiancarsi a quelle già esistenti, al termine di questo percorso, dunque, la persona diversamente abile potrà muoversi con facilità per i vicoli della zona più storica di Bari.

 

Interventi analoghi anche in altri punti della città

È interessante sottolineare che analoghi interventi di abbattimento delle barriere architettoniche saranno realizzati anche in altre zone della città, come ad esempio in quella di Ceglie del Campo: diversi cittadini hanno lamentato, in questa parte della città, la presenza di ostacoli architettonici piuttosto fastidiosi, di conseguenza l’amministrazione comunale ha deciso di intervenire.

Le approvazioni preventive di tali lavori devono ancora essere presentate alla Soprintendenza per l’ottenimento dell’ok definitivo, tuttavia essendovi già un accordo informale, sottolinea Galasso, l’autorizzazione dovrebbe essere ottenuta senza problemi e in tempi molto celeri.

Bari, dunque, intende assolutamente essere all’avanguardia da questo punto di vista e vuol fare in modo che gli spazi urbani possano essere fruiti nel miglior modo possibile anche dai portatori di handicap, da intendersi non solo come persone che convivono con difficoltà motorie, ma anche come ciechi ed ipovedenti.